Articoli

Il marchio collettivo si utilizza per designare la provenienza geografica dei prodotti o servizi mentre il marchio di certificazione distingue i prodotti o i servizi certificati dal titolare del marchio stesso in relazione al materiale, al procedimento di fabbricazione dei prodotti o alla prestazione dei servizi, alla qualità, alla precisione o ad altre caratteristiche da prodotti e servizi che non sono normalmente certificati. I marchi di certificazione sono pertanto dei segni che hanno lo scopo di certificare determinate caratteristiche dei prodotti o dei servizi” […]
Nel D.lgs. 20 febbraio 2019 n. 15 (Gazzetta Ufficiale dell’8 marzo 2019 n. 57) sono state stabilite le regole per recepire la Direttiva (UE) 2015/2436 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di marchi d’impresa, e si è adeguata la normativa nazionale al regolamento (UE) 2015/2424 sul marchio comunitario.