La Regione autorizza anche per quest’anno l’arricchimento dei vini ottenuti dalla vendemmia nel limite massimo di 1,5° se destinati a produrre vini senza denominazione di origine e per un massimo di 1° se destinati a produrre vini a doc e docg.
Non è consentito l’arricchimento, su specifica richiesta dei consorzi di tutela, per le denominazioni Ruchè, Barbera d’Asti, Ovada, Barbaresco , Barolo, Dolcetto di Diano d’Alba, Barbera d’Alba, Langhe Nebbiolo, Nebbiolo d’Alba, Verduno Pelaverga.