Lo stato di massima pericolosità incendi boschivi, in vigore dal 13 marzo, è valido su tutto il territorio piemontese. Si raccomanda massima attenzione e rispetto delle regole contenute nel provvedimento. Il Settore Protezione Civile e Sistema AIB della Regione Piemonte, con DD n. 742 del 12.03.2019, ha dichiarato lo stato di massima pericolosità incendi boschivi su tutto il territorio piemontese a partire dal 13 marzo 2019. Si raccomanda la dovuta attenzione e il rispetto delle regole richiamate nel provvedimento del Settore Protezione civile e Sistema antincendi boschivi del Piemonte.
Si ricorda che, entro una distanza di cento metri dai terreni boscati, arbustivi e pascolivi, sono vietate le azioni che possono determinare anche solo potenzialmente l’innesco di incendio, quali: accendere fuochi, accendere fuochi pirotecnici, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare apparati o apparecchiature che producano faville o brace, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale e combustibile, accendere lampade cinesi, o compiere ogni altra azione operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio.
La legge regionale 15/2018 stabilisce anche che su tutto il territorio regionale è vietato bruciare all’aperto nel periodo compreso tra il 1° novembre e il 31 marzo di ogni anno.
È utile infine ricordare che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente al numero unico di emergenza 112 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo. Fornendo informazioni il più possibile precise si contribuisce in modo determinante nel limitare i danni all’ambiente, consentendo a chi dovrà operare sul fuoco di intervenire con tempestività, prima che l’incendio aumenti di forza e di capacità distruttiva. Si ricorda che le violazioni di legge sono punite anche penalmente.
Il Sistema antincendi boschivi della Regione Piemonte è attualmente pienamente operativo e la cessazione dello stato di massima pericolosità sarà stabilita dal Settore Protezione civile e Sistema antincendi boschivi al cessare delle condizioni meteorologiche di rischio.

Per maggiori informazioni:

Protezione Civile e sistema antincendi boschivi

Legge quadro incendi boschivi

 

Ci mancava solo la tratta delle api regine! Sono sempre più frequenti e mirati i furti di alveari: il fenomeno, nel giro di pochi anni, ha assunto dimensioni nazionali con intensità e frequenze mai viste in passato. I fatti denunciati in questi giorni a Torino – ai danni di un giovane apicoltore cui hanno rubato 34 alveari – sono solo gli ultimi di una lunga serie. A denunciarlo la FAI-Federazione Apicoltori Italiani, che richiama l’attenzione sul furto sistematico di interi apiari (postazioni di più alveari): ciò lascia presupporre l’esistenza di un vero e proprio “mercato giallo-nero” che insidia e mina alle basi la nostra apicoltura e spezza le gambe a chiunque abbia investito nell’allevamento delle api al fine di integrare il proprio reddito.
Un fenomeno che sa di criminalità organizzata – sottolinea il presidente degli Apicoltori italiani Raffaele Cironee che deve essere contrastato con idonei strumenti, oltre a quelli già disponibili (polizze assicurative, videosorveglianza, arnie con antifurto e tracciamento satellitare) per combattere l’intensificarsi dell’abigeato”. E’ questa infatti la natura del reato: furto aggravato di migliaia di alveari, prima sottratti e poi ricettati.
Ecco perché – sottolinea ancora il presidente Cirone – facciamo appello alle Forze dell’Ordine affinché indirizzino la loro attenzione anche verso questa particolare fattispecie di reato”. La Federazione Apicoltori Italiani, tutti gli apicoltori onesti dal loro canto, sono a disposizione delle autorità competenti per individuare una strategia e collaborare ad una concreta azione di contrasto a questo vergognoso e inaccettabile malcostume del nostro tempo.

Con la sottoscrizione del Protocollo d’intesa per la promozione del lavoro regolare in agricoltura, avvenuta oggi in Regione Piemonte, Confagricoltura ribadisce il proprio impegno contro il lavoro nero e il caporalato nel settore primario. Un impegno che vede attiva la Confederazione a tutti i livelli, nazionale e locale, e che acquista ulteriore rilevanza in virtù della propria rappresentanza sindacale. Confagricoltura è infatti la prima organizzazione in Italia per la quota di giornate lavoro versate all’INPS, ovvero per numero di dipendenti nelle aziende agricole; non è un caso, infatti, che i rinnovi dei contratti di lavoro nazionali, regionali e provinciali vengano da sempre firmati nelle sedi di Confagricoltura.
Nel proprio Codice Etico, inoltre, l’Organizzazione ha recentemente adottato interventi per la promozione della dignità dei lavoratori e previsto misure di espulsione immediata per eventuali casi acclarati di ricorso al caporalato da parte di aziende associate.
In Piemonte il numero di imprese che occupano operai agricoli dipendenti è in aumento dal 2006 e si attesta intorno alle 8.000 unità (su circa 54.000 aziende); in Italia sono 188.000 su circa 755.000 totali (fonte Inps, 2017).
Il numero degli operai agricoli dipendenti nella regione subalpina è di 38.317, concentrati in particolare nella provincia di Cuneo, con il 47,5%, seguita da Asti con il 14,3%; Alessandria con il 13,3% e Torino con il 12,4%.
I lavoratori extracomunitari assunti in Piemonte sono 11.586, pari al 30,2% del totale (fonte INPS, 2017).
Il Protocollo sottoscritto oggi – dichiara il vicepresidente di Confagricoltura Piemonte Paolo Dentispromuove azioni concrete per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro stagionale e per una migliore qualità della vita degli stessi. Ricordiamo che senza l’apporto di manodopera, anche extracomunitaria, le nostre aziende non potrebbero raggiungere i livelli anche qualitativi che caratterizzano le produzioni piemontesi”.
(Hanno sottoscritto il Protocollo: Regione Piemonte, le Prefetture di Asti, Alessandria, Cuneo, Novara, Torino, Vercelli, Verbano-Cusio Ossola, Direzione interregionale del lavoro di Milano, Inps Piemonte, Inail Piemonte, Agenzia Piemonte Lavoro, Anci Piemonte, Confagricoltura Piemonte, Coldiretti Piemonte, Cia Piemonte, Confcooperative Piemonte, Lega Coop Piemonte, CGIL e FLAI Piemonte, CISL e FAI Piemonte, UIL e UILA Piemonte, Arcidiocesi di Torino e Diaconia Valdese)

 

 

L’incontro di mercoledì scorso nel palazzo della Regione Piemonte durante il quale è stato siglato il protocollo d’intesa (foto tratta da: www.quotidianopiemontese.it)

Il nocciolo rappresenta una coltura in forte espansione e la richiesta sempre in aumento della Tonda e Gentile impone una maggiore scrupolosità e attenzione da parte dei corilicoltori”. E’ quanto emerso a Moncalvo, in occasione del corso di formazione dal titolo “Nocciolo: molto più di una semplice coltura”, organizzato da Confagricoltura Asti, che ha avuto luogo sabato 9 marzo presso la sede della Pro Loco.
Un incontro tecnico, in cui i relatori, di fronte ad una platea di quasi 100 persone, hanno avuto l’opportunità di illustrare le tecniche di coltivazione di questa pianta e i metodi di lotta contro i parassiti, facendo anche il punto della situazione sul mercato corilicolo e sulle sue quotazioni.
La giornata ha avuto inizio alle ore 10, con la registrazione di tutti i partecipanti e successivamente, alle 10,30, con il saluto da parte del sindaco di Moncalvo Aldo Fara e l’intervento iniziale di Mariagrazia Baravalle, direttore di Confagricoltura Asti che si è detta compiaciuta e soddisfatta per la grande affluenza di partecipanti, segnale positivo che denota sempre più un maggiore interesse per questo comparto.
Il nocciolo è una coltura intorno alla quale si possono fare diverse considerazioni: di carattere tecnico, ma anche socio economico e culturale – ha affermato il direttore – Per quanto riguarda l’aspetto economico (ambito che ovviamente riscuote maggiore interesse da parte di tutti, ndr) ricordo, tra l’altro, che è stato presentato più di un anno fa dalla Ferrero, a Roma, proprio in sede nazionale di Confagricoltura, un progetto di filiera denominato ‘Progetto Italia’, finalizzato all’incremento delle superfici di nocciolo su tutto il territorio nazionale. Ritengo che anche sul nostro territorio ci siano grandi potenzialità per inserirsi in questo tipo di circuito così come è però possibile seguire percorsi di assistenza tecnico-economica al di fuori di tale progetto e comunque forieri di importanti risultati”.
L’incontro è entrato successivamente nel vivo con gli interventi tecnici di Enrico Masenga, consulente tecnico specialistico di Confagricoltura Asti e di Claudio Aloi, consulente Isagro, società italiana che opera in ricerca, sviluppo, produzione e distribuzione di agro farmaci.
La nocciola negli ultimi anni è diventata protagonista dell’agricoltura. La richiesta da parte dall’industria dolciaria è sempre in aumento e questo non può che far ben sperare -ha esordito Masenga – ma per raggiungere un prodotto di qualità è necessario operare con cura e attenzione già al momento dell’impianto; durante questa fase infatti, si compiono scelte che potrebbero condizionare irreversibilmente l’intero ciclo produttivo. Un impianto mal eseguito o realizzato in modo approssimativo può portare all’insorgenza di malattie”.
Malattie che sono poi state trattate nella seconda parte della lezione teorica da Claudio Aloi, consulente Isagro che ha introdotto il problema della cimice asiatica, vero e proprio flagello per questa coltura: “sin dalla sua introduzione accidentale in Italia, in Emilia nel 2012, la cimice asiatica è risultata devastante nella sua dannosità a carico di numerose specie coltivate. Isagro, nella sua esperienza specifica di quasi 50 anni, ha messo a punto una trappola a feromoni denominata Isatrap Cyma. Questa trappola è di semplice realizzazione e rappresenta un piccolo passo verso una soluzione al problema in veste eco sostenibile”.
Dopo il pranzo preparato dalla Pro Loco di Moncalvo, il gruppo di lavoro si è spostato presso l’azienda agricola di Paolo Cerrato, sempre a Moncalvo, dove, con lo stesso forte interesse e coinvolgimento, i partecipanti hanno assistito alla lezione in campo tenuta da Claudio Sonnati, dottore agronomo della fondazione Agrion che, dopo un’ulteriore spiegazione teorica, ha poi mostrato a tutti i presenti diversi tipi di potatura che vanno eseguiti durante l’anno tenendo conto dei periodi e delle condizioni atmosferiche.

 

Alcune immagini della giornata di sabato a Moncalvo