Il presidente di Confagricoltura Piemonte Enrico Allasia ha scritto una lettera riguardo al ricondizionamento dei pozzi irrigui, che è stata inviata agli assessori all’Ambiente e all’Agricoltura della Regione Piemonte, Matteo Marnati e Marco Protopapa.

Il testo è il seguente:

 

Egregi Assessori,

desideriamo portare nuovamente la vostra attenzione sul problema del
ricondizionamento dei pozzi irrigui, attività che, allo stato attuale, dovrebbe essere
completata entro la fine di quest’anno.
Come è noto, la vicenda del ricondizionamento dei pozzi si protrae
ormai da diversi anni, dovendo scontare oggettive difficoltà tecniche e costi molto elevati,
ben difficilmente sostenibili da parte delle sole aziende agricole.
La Regione, consapevole di queste difficoltà, nel 2017 è intervenuta a
sostegno degli agricoltori con un programma di finanziamento per nuovi pozzi consortili in
sostituzione di quelli aziendali. Tuttavia, principalmente a causa dei criteri di priorità adottati,
buona parte del territorio del Piemonte è rimasta esclusa dai sostegni; ciò specialmente in
taluni territori non serviti da consorzi irrigui, laddove i pozzi sono particolarmente necessari
e numerosi e dove le aziende hanno già adottato diffusamente metodi di irrigazione
rispettosi della risorsa acqua, che potrebbero essere resi ancora più razionali e sostenibili
dal punto di vista ambientale qualora fossero associati a pozzi realizzati a regola d’arte.
Riteniamo quindi opportuno che il finanziamento dei pozzi venga
riproposto con nuove risorse e, soprattutto, nuovi criteri di priorità, che, partendo da un
monitoraggio delle domande attualmente presentate, tengano conto del livello di protezione
delle falde raggiunto sul territorio e non creino disparità di trattamento tra le aziende delle
varie zone del Piemonte.Naturalmente, il programma dovrà essere accompagnato da
un’adeguata dilazione dei tempi per il ricondizionamento, che consenta di pianificare e
realizzare i lavori con la necessaria accuratezza.
Certi dei benefici che una tale azione potrebbe apportare sia
all’ambiente, sia al settore agricolo, quale Organizzazione degli agricoltori siamo disponibili
a offrire tutta la collaborazione necessaria per un approfondimento della problematica, nel
quadro di un percorso di concertazione che chiediamo di avviare in tempi brevi, dato
l’approssimarsi della scadenza per il ricondizionamento dei pozzi.

In attesa di un vostro cortese cenno di riscontro, porgiamo cordiali saluti.

Il Presidente

Enrico Allasia