Il 22 gennaio scorso la Commissione Europea ha autorizzato cinque colture geneticamente modificate (mais e soia) e ha rinnovato l’autorizzazione per tre colture di mais utilizzate per alimenti e mangimi. Tutti questi OGM sono stati sottoposti a una procedura di autorizzazione completa e rigorosa, inclusa una valutazione scientifica favorevole da parte dell’EFSA. Le decisioni di autorizzazione non riguardano la coltivazione. Gli Stati membri non hanno raggiunto una maggioranza qualificata né a favore né contro nella riunione del comitato permanente e neppure al successivo comitato di appello. La Commissione Europea ha quindi il dovere legale di procedere con le autorizzazioni. Le autorizzazioni sono valide per 10 anni.