Articoli

La Regione Piemonte, con la circolare n. 29398 del 21/12/2020 ha definito le deroghe per l’annualità 2020 relativamente ai controlli funzionali e regolazione volontaria delle irroratrici di cui all’Operazione 10.1.1 e misura 11 del PSR.
A causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19, infatti, la legge n. 77 del 17/7/2020 ha prorogato la validità dei certificati in scadenza nel 2020, così come il periodo entro cui effettuare il primo controllo delle nuove irroratrici in scadenza nel 2020: per la stessa ragione le disposizioni regionali non hanno stabilito per il 2020 una scadenza anticipata per questi interventi rispetto a quelle adottate in attuazione del PAN.
La circolare precisa che “Rimangono comunque applicabili all’annualità 2020, per qualsiasi anno di impegno e con la graduazione prevista dalle disposizioni, le riduzioni di pagamento derivanti dal mancato rispetto di scadenze antecedenti il 1/1/2020 e dal protrarsi dell’inadempienza nel periodo operativo del 2020. In questi casi, infatti, la validità delle attestazioni di funzionalità delle irroratrici non si considera prorogata in base alla citata legge n. 77/2020. Le previste riduzioni di pagamento si applicano anche nei casi in cui, a seguito della richiesta di regolarizzare le irroratrici entro 30 giorni, non sia stata applicata l’esclusione per l’anno in corso e per quello successivo perché l’agricoltore ha ottemperato alla richiesta entro i termini o ha beneficiato della deroga sopra indicata”.

In allegato la circolare della Regione Piemonte

Verifiche-irroratrici_deroghe-annualita-2020_(29398-del-21-12-2020)_prot

Sono numerosi gli imprenditori che si sono rivolti a Confagricoltura Piemonte per chiedere chiarimenti riguardo a una recente circolare del Comando Carabinieri Forestali del Piemonte che riguarda gli “spostamenti sul territorio da parte di privati cittadini finalizzati ad eseguire interventi selvicolturali per l’approvvigionamento di legna per autoconsumo”.
Confagricoltura segnala che anche la Regione Piemonte è intervenuta sull’argomento, sempre per quanto riguarda i privati cittadini: https://www.regione.piemonte.it/web/temi/ambiente-territorio/foreste/emergenza-covid-19-interventi-selvicolturali-bosco-parte-privati-cittadini

Entrambi gli interventi escludono che questo motivo di spostamento rientri tra quelli consentiti dal DPCM 3 novembre 2020 (art. 3).
Confagricoltura Piemonte precisa che tale esclusione riguarda unicamente i privati cittadini e non le imprese agricole. L’articolo 2135 del Codice Civile chiarisce che “È imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse”. L’attività di selvicoltura è dunque è propria dell’imprenditore agricolo. Il DPCM 3 novembre 2020, all’art. 1, punto 9 – lettera ll) prevede:

restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi”.

Quindi – sottolinea in una nota Confagricoltura Piemonte – qualsiasi spostamento finalizzato ad attività agricole, tra le quali rientra la selvicoltura, è sempre consentito.

Anche qualora si trattasse di coltivazione o raccolta per autoconsumo da parte di imprenditore agricolo – aggiunge Confagricoltura – il caso è chiarito nella FAQ del Governo che riportiamo di seguito:

FAQ:

“È consentito, anche al di fuori del Comune ovvero della Regione di residenza, lo svolgimento di attività lavorativa su superfici agricole, anche di limitate dimensioni, adibite alle produzioni per autoconsumo, non adiacenti a prima od altra abitazione?”

Sì, la cura dei terreni ai fini di autoproduzione, anche personale e non commerciale, integra il presupposto delle esigenze lavorative, contemplato per le zone “arancioni” e “rosse” dagli artt. 2 comma 4 lett. a), e 3, comma 4, lett. a), del DPCM 3 novembre 2020. Quindi la coltivazione del terreno per uso agricolo e l’attività diretta alla produzione per autoconsumo (quale ad. esempio quella di raccolta delle olive, conferimento al frantoio e successiva spremitura) sono consentite, a condizione che il soggetto interessato attesti, con autodichiarazione completa di tutte le necessarie indicazioni per la relativa verifica, il possesso di tale superficie agricola produttiva e che essa sia effettivamente adibita ai predetti fini, con indicazione del percorso più breve per il raggiungimento del sito”.

Rimane ferma la necessità di produrre un’autodichiarazione che consenta la verifica della legittimità dello spostamento.

DC_2020 tagli boschivi privati fdig_prot

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura e Cibo Marco Protopapa, ha approvato il 13 novembre il nuovo Regolamento per l’individuazione territoriale, la costituzione, il riconoscimento e il funzionamento dei nuovi distretti del cibo. Il Regolamento è stato approvato dopo aver acquisito il parere positivo delle parti sociali, del CAL Consiglio delle Autonomie Locali e della III Commissione del Consiglio Regionale. Ora può partire l’iter di riconoscimento dei distretti del cibo in Piemonte, come prevede il Testo unico dell’agricoltura della Regione Piemonte, la Legge regionale n.1 del 2019, art. 43.
Obiettivo dei distretti del cibo è favorire la valorizzazione delle produzioni agricole ed agroalimentari ed allo stesso tempo il paesaggio rurale piemontese. In questo modo verrebbero favoriti più soggetti di un determinato territorio: dalla filiera produttiva all’offerta turistica e culturale locale. Ma non solo, i distretti del cibo devono garantire la sicurezza alimentare diminuendo l’impatto ambientale delle produzioni, riducendo lo spreco alimentare e salvaguardando il territorio attraverso le attività agricole e agroalimentari.
I distretti del cibo, una volta ottenuto il riconoscimento da parte della Regione Piemonte, vengono iscritti nel Registro nazionale dei Distretti del Cibo potendo così beneficiare degli interventi di sostegno previsti dalla normativa vigente in materia. I distretti agroalimentari di qualità già riconosciuti dalla Regione verranno riconosciuti quali Distretti del cibo qualora si adeguino entro 6 mesi dalla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale ai requisiti previsti del nuovo Regolamento.
Con la costituzione dei distretti del cibo, molto attesa dai nostri Comuni piemontesi, abbiamo l’opportunità di promuovere lo sviluppo di un territorio e l’inclusione sociale, valorizziamo la filiera agroalimentare e l’intero territorio rurale. Creiamo in concreto una rete tra mondo produttivo agroalimentare, offerta turistica, culturale e paesaggistica”, sottolinea l’assessore all’Agricoltura e Cibo della Regione Piemonte, Marco Protopapa. “I distretti del cibo sono un sicuro volano economico molto importante per l’auspicata ripresa post Covid-19 e pertanto era determinante arrivare all’approvazione del Regolamento da parte della Regione entro la fine di quest’anno”, conclude l’assessore Protopapa.

Nuovo Regolamento Distretti del Cibo

Cosa sono i distretti del cibo

I distretti del cibo individuano sistemi produttivi locali, che si caratterizzano per una specifica identità storica e territoriale omogenea e integrano attività agricole e altre attività imprenditoriali, in coerenza con le tradizioni dei luoghi di coltivazione.
Partecipano ai distretti del cibo enti pubblici, istituzioni ed imprese, la cui cooperazione può favorire ad esempio la promozione all’estero dei prodotti del territorio e l’offerta turistica. Inoltre la collaborazione tra piccole e medie imprese agricole e agroalimentari è in grado di accrescere la competitività delle imprese stesse attraverso la riduzione dei costi e l’innovazione.

Come si costituiscono

I distretti del cibo vengono costituiti mediante un accordo tra soggetti pubblici e soggetti privati che operano in modo integrato nel sistema produttivo locale.

Come funzionano

Fulcro del funzionamento del distretto del cibo è il Piano di Distretto che ha durata triennale e in esso vengono indicati il ruolo dei soggetti che hanno aderito all’accordo e le azioni che si andranno a realizzare a livello locale.

 

Fonte: Regione Piemonte

La Regione Piemonte – Servizi veterinari – ha diffuso una nota sulle attività veterinarie indifferibili, che sostanzialmente conferma quanto indicato dal Ministero della Salute nell’aprile scorso. Di seguito il link ai provvedimenti.

DGISAN_12758-08042020-attività_indifferibili

Servizi_Veterinari_Indifferibili_Piemonte_201109

La Regione Piemonte, tramite Determinazione dirigenziale n. 770 del 03/11/2020, ha approvato il Bando per la presentazione dei progetti Regionali e Multiregionali in merito alla Misura “Promozione del vino sui mercati dei Paesi Terzi nell’ambito dell’OCM Vino annualità 2020/2021”.

Sono stati quindi approvati i seguenti due bandi con relative modalità di presentazione:

a) Bando a sostegno dei progetti Regionali a valere sui fondi del Programma regionale di sostegno OCM Vino, esclusivamente per la promozione delle produzioni vitivinicole della Regione Piemonte. I soggetti proponenti devono avere la sede operativa in Regione Piemonte e possono presentare o partecipare nell’ambito di questo bando a più progetti, purché non siano rivolti ai medesimi Paesi o mercati dei Paesi terzi. I Progetti dovranno essere presentati alla Regione Piemonte entro e non oltre le ore 23.59.59 del 02/12/2020.

b) Bando a sostegno dei progetti Multiregionali a valere su fondi del Programma regionale di sostegno OCM Vino e su una riserva dei fondi della quota nazionale pari a 3 milioni di euro, per la promozione delle produzioni delle Regioni partecipanti al progetto. Il progetto deve essere presentato da soggetti proponenti che hanno sede operativa in almeno 2 Regioni. I Progetti dovranno essere presentati alla Regione Piemonte individuata come Regione Capofila e dovranno pervenire entro e non oltre le ore 23.59.59 del 30/11/2020.

I progetti presentati nell’ambito dei suddetti bandi hanno durata massima di 9 mesi con la seguente tempistica:

• I soggetti beneficiari che non richiedono l’anticipo realizzano le attività a decorrere dal 1°aprile 2021 al 30 agosto 2021 ed entro tale data presentano domanda di pagamento completa.

• I soggetti beneficiari che richiedono l’anticipo realizzano le attività dal 1°aprile 2021 al 31dicembre 2021 e presentano domanda di pagamento completa entro il 28 febbraio 2022.

La dotazione finanziaria complessiva per l’attuazione del provvedimento è di 9.764.131 euro.

Bando_OCM-Vino_paesi-terzi_03-11-2020