La nota DGSAF 18295 del 3 luglio 2019 del Ministero della Salute dà indicazione sul rispetto del benessere animale in relazione al trasporto con alte temperature nei mesi estivi e su lunghe distanze.
Il Ministero pone l’accento sulla corretta e adeguata pianificazione del trasporto degli animali, sia negli scambi intra comunitari che verso i Paesi terzi, via terra o via mare, chiedendo di porre particolare attenzione alla idoneità degli animali al trasporto, alla loro densità, alla quantità e qualità della lettiera, al rispetto delle soste e del tempo di durata delle stesse nonché alla disponibilità di acqua e cibo.
Il Ministero chiede inoltre di porre attenzione alle tempistiche dei posti di controllo negli altri Stati e di verificare l’eventuale emanazione di blocco della circolazione per temperature superiori ai 30 gradi (es. come predisposto dalla Germania).
In linea con quanto richiesto dalla Commissione europea, qualora le temperature durante il tragitto o in partenza dall’Italia fossero superiori ai 30 gradi, il Ministero sollecita le ASL a non autorizzare il trasporto. Inoltre, il Ministero chiede che sia effettuato il trasporto durante le ore più fresche della giornata o possibilmente durante le ore notturne, tenendo in considerazione lo stato fisiologico degli animali e la necessità del trasporto durante i giorni più caldi.
Sul modello telematico di uscita degli animali va indicata l’ora di partenza e la durata del viaggio, quindi, in caso di mancato rispetto di queste norme, l’ASL, venendo a conoscenza preventivamente della data del trasporto, potrà intervenire bloccando questo modello. Il mancato rispetto delle regole sul benessere animale è sanzionabile anche con la decurtazione del premio PAC.

 

 

Alcune fasi del trasporto di animali vivi su automezzi (www.dekra-akademie.it)