Il 14 dicembre è entrato in vigore il regolamento UE 625/2017 in materia di controlli ufficiali che, a proposito dei criteri e delle condizioni per determinare quando le ispezioni ante mortem possono essere effettuate al di fuori del macello in caso di macellazione d’urgenza, dispone che il veterinario ufficiale può effettuare tali ispezioni soltanto per gli ungulati domestici e fatta salva la conformità alle prescrizioni in materia di macellazione d’urgenza di cui all’allegato III, sezione I, capitolo VI.
Per gli animali idonei alla macellazione è rilasciato un certificato sanitario conforme al modello di cui all’allegato V del regolamento. Il certificato sanitario accompagna gli animali al macello o è inviato in anticipo in qualsiasi formato. Eventuali osservazioni pertinenti la successiva ispezione delle carni sono registrate nel certificato sanitario.
Nel caso in cui le autorità competenti non possano far fronte con le risorse umane a loro disposizione alle richieste di visite ante mortem, possono designare un veterinario libero professionista che, limitatamente all’attività in questione, assume la qualifica di “veterinario ufficiale”. Le Aziende sanitarie territorialmente competenti dovranno perciò dotarsi di apposito elenco dove inserire i professionisti di cui sopra e garantire che gli stessi posseggano adeguata formazione in materia e che siano liberi da qualsiasi conflitto di interesse.