Nelle settimane scorse nostra organizzazione aveva richiamato l’attenzione dei parlamentari locali sui ritardi e sulla bassa percentuale di pagamento dei contributi assicurativi alle imprese agricole da parte di Agea.
Il Comitato di Sorveglianza del PSRN 2014/2020 che si è riunito lo scorso 24 novembre ha esaminato lo stato di attuazione del programma di gestione del rischio (Misura 17 –Assicurazione del raccolto, degli animali e delle piante). La dotazione residua delle risorse previste dal PSRN per la misura per l’anno 2020, l’ultima annualità del periodo di programmazione, è stabilita in 160 milioni di euro a cui si aggiungono ulteriori 26 milioni di euro derivanti dalle economie scaturite dagli affidamenti relativi al bando della misura 4.3. Queste risorse serviranno a contribuire a coprire il fabbisogno finanziario che il Ministero ha verificato attraverso i monitoraggi avviati da Agea e che si stima intorno a circa 370 milioni di euro. Ministero e Agea hanno assicurato che provvederanno comunque e regolarmente con l’erogazione dei pagamenti utilizzando le risorse stanziate e già disponibili per la campagna 2021.
In attesa della ridefinizione del plafond disponibile è stato disposto un contributo pubblico di circa il 30% della spesa ammessa: questa percentuale di contribuzione, a fronte delle eventuali riassegnazioni, saranno incrementate fino alla concorrenza del 65-70%. Per la campagna 2020 al momento il Ministero non può ancora integrare le erogazioni poiché l’integrazione del plafond di 26 milioni di euro non permetterebbe di coprire in maniera esaustiva gli importi delle polizze stipulate: Ministero e Agea contano di procedere all’integrazione entro il primo semestre 2021, con le risorse dell’annualità 2021.
Confagricoltura ha suggerito al Ministero di anticipare parte delle risorse derivanti dal periodo di transizione prima dell’avvio della nuova programmazione. La Confederazione si è comunque attivata da tempo nei confronti del Ministero affinché l’erogazione del contributo intervenga al più tardi entro il primo bimestre del 2021, attivando un tavolo di confronto per individuare le soluzioni volte ad intercettare le risorse finanziarie necessarie per le coperture assicurative.