Mercoledì pomeriggio ha avuto luogo un incontro presso la Sala Consiliare della Provincia di Asti sul tema “La presenza del lupo nella provincia di Asti e le connessioni con le province di Alessandria, Torino e Cuneo”.
L’incontro è stato convocato dall’Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Marittime per fare il punto della situazione sulla presenza del lupo in Piemonte, che dagli areali alpini si sta spostando verso aree collinari e di pianura. Durante il meeting si è inoltre discusso di azioni concrete di prevenzione.
Presente il vicepresidente della Regione Piemonte Fabio Carosso e l’assessore regionale all’Agricoltura Marco Protopapa. In sala anche diverse associazioni venatorie e organizzazioni agricole come Confagricoltura Asti, rappresentata dal direttore Mariagrazia Baravalle.
È stata una giornata positiva e produttiva, un confronto utile che ci aiuterà a migliorare le nostre politiche. Il primo impegno sarà semplificare e accorciare i tempi per il risarcimento dei danni”: è quanto ha dichiarato il vicepresidente della Regione, Fabio Carosso, oggi ad Asti al termine del primo incontro con gli enti interessati dal problema della diffusione del lupo nelle zone più antropizzate del Piemonte.
Carosso e l’assessore all’Agricoltura, Marco Protopapa, hanno annunciato che nei bandi del Programma di sviluppo rurale di prossima emanazione il risarcimento dei danni alle greggi e alle recinzioni e le misure per la prevenzione degli attacchi saranno estesi anche alle aziende di piccole dimensioni, e che si sta lavorando sul censimento dei branchi di lupi presenti in Piemonte.

 

Alcune immagini dell’incontro di mercoledì pomeriggio presso la Provincia di Asti