Articoli

Quando non c’è certezza del diritto, le controversie sono dietro l’angolo e immancabilmente scoppiano polemiche e diatribe. Così sta accadendo da mesi tra i contoterzisti, che ancora non sanno se hanno diritto al credito d’imposta del 20% per l’acquisto del carburante impiegato nelle attività agricole nel primo e terzo trimestre. C’è chi, come Uncai e la maggior parte delle associazioni provinciali di agromeccanici, invita alla massima prudenza e a ritenere che, ad oggi, sia loro sbarrato l’accesso al credito d’imposta. Poi ci sono altri che affermano esattamente il contrario.

Lo Stato, in tutto questo, non fa una grande figura, non garantendo la libertà delle persone e l’eguaglianza dei cittadini davanti alla legge. Senza un chiarimento pieno della questione avremo dei contoterzisti sanzionati pesantemente per aver fatto ricorso al credito d’imposta, altri che ne beneficeranno perché un funzionario interpreterà la norma in modo benevolo e altri ancora che semplicemente non vi avranno fatto ricorso, consapevoli dei rischi”, illustra il presidente di Uncai Aproniano Tassinari.

Quali sono i rischi per chi ricorre allo sgravio fiscale senza averne diritto?

È importante ricordarlo. Nel caso in cui tale credito non fosse spettante si deve pagare il doppio dell’importo utilizzato e se si supera i 50.000 euro si incorre nel penale. Tutti gli imprenditori sanno cosa significa incorrere in una sanzione penale, hanno finito di lavorare.

Se il rischio è tanto grande chi sostiene che i contoterzisti hanno diritto al credito deve esserne sicuro al 100%. Perché Uncai dubita?

Sino a questo momento le comunicazioni giunte dagli uffici legislativi del ministero delle politiche agricole sostengono purtroppo l’esclusione dei contoterzisti. Chi afferma il contrario omette di sottolineare che si tratta di una propria interpretazione.

Crede davvero che sia solo un’interpretazione personale della norma e non ci siano garanzie politiche?

Temo sia così. E lo dico perché Uncai si è confrontata proprio con tutti. Per nostra fortuna i nostri contatti con le Istituzioni non si limitano a pochi politici o a un solo partito, dialoghiamo con tutti gli schieramenti, sia di centro-sinistra sia di centro-destra. Purtroppo abbiamo avuto sempre conferma che il credito d’imposta non spetta ai contoterzisti. Sottolineo purtroppo, perché siamo stati accusati di diffondere comunicati allarmistici e di creare grave danno alla categoria insinuando il dubbio. Ci è stato addirittura rinfacciato l’intento machiavellico di ergerci poi a salvatori dei contoterzisti, qualora questi, alla fine, venissero reintegrati nel beneficio.

Un ragionamento un po’ contorto.

Da anni siamo abituati a comportamenti e affermazioni di questo tipo da parte di questa persona. Si tratta di comportamenti che prescindono dagli interessi dei contoterzisti. Ma si tratta di una storia che si ripete e sulla quale non vale la pena spendere una sola parola in più. Per smontare tali illazioni basta far presente un fatto. Ad oggi, dopo cinque mesi che Uncai lo chiede, il ministero delle politiche agricole non si è ancora espresso ufficialmente in merito alla richiesta di chiarimenti e gli emendamenti chiesti da più parti affinché la norma comprendesse gli agromeccanici sono stati tutti respinti.

Come si è mossa Uncai in tutto questo tempo?

Non è rimasta ferma. In un primo momento, e con molta superficialità, abbiamo anche noi ritenuto che i contoterzisti rientrassero nel provvedimento. Il buon senso lo vorrebbe. Ma poi occorre leggere tutte le carte, fare una seria valutazione della copertura finanziaria messa a disposizione e, se c’è qualche anomalia, non fare come lo struzzo che finge di non vedere, infilando la testa in un buco. L’esclusione degli agromeccanici è assurda, ma era diventata molto probabile. Così abbiamo avanzato degli emendamenti, anche al decreto Aiuti-bis, tutti documentati e protocollati. Grazie alle insistenze di Uncai la questione è finalmente stata posta all’attenzione del Consiglio dei ministri e riceverà una risposta dai banchi del Parlamento. Se sarà confermata l’esclusione degli agromeccanici, abbiamo ricevuto garanzie che qualcosa arriverà anche per loro.

Non saranno solo promesse elettorali?

Mi auguro di no. Siamo anche stati accusati di tirare in ballo “fantomatiche fonti”. Le nostre fonti sono di due tipi, tecniche e politiche. Quelle tecniche sono rappresentate dagli uffici legislativi di Commissioni e Ministeri, quelle politiche naturalmente da senatori e onorevoli molto attivi e preparati nel settore agricolo. Soprattutto disponibili. Le due fonti non sono interscambiabili e neppure sovrapponibili.

Qualche nome?

Non si può, come ricordava, c’è una campagna elettorale in corso e Uncai non tira la volata a nessuno.Ci lega però alle nostre fonti una solida stima reciproca che proseguirà anche dopo il 25 settembre, comunque vada. In ogni caso, come dicevo, si tratta di esponenti di poli diversi che, per di più, hanno chiesto con urgenza un chiarimento anche all’Agenzia delle entrate

Ho capito bene, il Parlamento chiederà all’Agenzia chiarimenti su quanto ha deliberato?

Occorre avere pazienza e comprensione. È sempre stato difficile per gli agromeccanici farsi notare dalla gente, figuriamoci dal Legislatore. Per loro non vale la battuta del regista Nanni Moretti: “Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente ?” Sui contoterzisti opererà sempre con rigore il famoso rasoio di Occam. In fondo per l’opinione pubblica l’agricoltura sarà sempre fatta solo di agricoltori come le squadre di calcio di attaccanti. Gli agromeccanici sono come i portieri, raramente passano alla storia per le grandi parate. Sono i goal e i numeri degli attaccanti che riempiono gli stadi.

Uncai spesso parla anche per i contoterzisti di altre sigle, è corretto?

L’Unione Nazionale Contoterzisti non è così piccola come alcuni vanno ancora dicendo. Grazie a Confagricoltura siamo cresciuti e siamo maggioritari non più nella sola Lombardia, ma anche nel Centro-Sud. Inoltre siamo forti in Piemonte, Veneto e in Romagna. Per noi è normale intrecciare rapporti con tutte le associazioni provinciali, anche quelle che non aderiscono a noi. Questo perché in Uncai i contoterzisti sono invitati a confrontarsi fra loro. Sono colleghi, sono sulla stessa barca e conviene a tutti remare nella stessa direzione, senza badare troppo alle diverse sigle sindacali. È da questo dialogo aperto di tutti con tutti che sono sorti i dubbi sul credito d’imposta, non certo dalla libera interpretazione di un funzionario. Non ha idea di quante associazioni provinciali di agromeccanici predicano massima prudenza!

Uncai così non rischia però un’invasione di campo?

Ormai Uncai è l’unica organizzazione che tutela veramente gli interessi degli agromeccanici. Ci stiamo adoperando per poter ottenere il parere favorevole sul credito d’imposta, ritenendo che anche le aziende agromeccaniche debbono essere trattate al pari di tutte le aziende agricole. Sarà quindi solo nel momento in cui ci sarà una risposta ufficiale scritta che si potranno dare le esatte indicazioni alle aziende agromeccaniche. Crediamo sia così il modo corretto di lavorare, non certo con la fantasia, mettendo a rischio le imprese!

 

Fonte: ufficio stampa Uncai

Il Consiglio dei Ministri ha varato il Decreto Legge “Aiuti Bis”, che prevede misure relative al contenimento dei costi energetici a altre riguardanti l’emergenza siccità e la riduzione del cuneo fiscale. Confagricoltura esprime un moderato apprezzamento al riguardo, anche se – sottolinea l’organizzazione degli agricoltori – gli interventi, tuttavia, non sono sufficienti a rispondere alle esigenze delle imprese, visto l’attuale periodo di forte difficoltà da parte di tutto il comparto agricolo.

Questi indennizzi rappresentano un primo passo nel sostegno alle imprese – afferma il presidente della Confagricoltura di Asti Gabriele Baldial quale, tuttavia, dovrà necessariamente seguire una pianificazione per affrontare in modo strutturato l’emergenza siccità sul territorio nazionale”.

In attesa del testo definitivo, il Decreto Legge prevede un sostegno alle aziende agricole danneggiate dalla carenza idrica con un incremento di 200 milioni alla dotazione per gli indennizzi.

Riteniamo apprezzabile anche la riattivazione del credito d’imposta del 20% sull’acquisto del carburante agricolo per il terzo trimestre 2022, previsto attualmente soltanto per il primo”, dichiara il direttore della Confagricoltura di Asti Mariagrazia Baravalle. “Tale misura però, a nostro avviso doveva essere estesa anche al secondo trimestre, quando le lavorazioni agricole sono a pieno regime. Bene anche il taglio del cuneo fiscale per sostenere lavoratori e imprese, anche se l’intervento, vista la dotazione, non riuscirà ad incidere in modo efficace sulla ripresa dei consumi”.

Auspichiamo politiche del lavoro efficaci – concludono presidente e direttore di Asti Agricoltura in grado di rilanciare concretamente l’occupazione e quindi incoraggiare la ripresa economica”.

A causa del protrarsi del periodo di siccità che tutto il territorio regionale sta vivendo e in seguito anche alla dichiarazione dello stato di emergenza, la Regione Piemonte ha deliberato, con la determina del 19 luglio scorso, la concessione di un’assegnazione supplementare di gasolio agricolo a prezzo agevolato per fronteggiare l’emergenza idrica che tutto il comparto agricolo sta vivendo. Si tratta di una decisione maturata anche in seguito alle richieste da parte dei rappresentanti regionali delle organizzazioni agricole, tra cui anche Confagricoltura, che durante i tavoli di coordinamento hanno esplicitamente richiesto alla Regione un sostegno concreto nei confronti delle aziende. Questa concessione prevede un quantitativo aggiuntivo di gasolio agricolo di cui le aziende potranno beneficiare per le operazioni di irrigazione, già effettuate o ancora da effettuare, sulle colture irrigue. La Regione Piemonte ha definito come area individuabile ai fini della concessione tutto il territorio regionale nel suo complesso.

Le aziende possono fare richiesta di questa assegnazione supplementare attenendosi ad alcuni parametri:

– è necessario dimostrare che le lavorazioni di irrigazione sono state o verranno effettuate su colture irrigue, presenti all’interno del proprio fascicolo aziendale, senza ricorrere a terzi, tramite un’apposita dichiarazione

– è necessario essere in possesso di tutte le attrezzature e i macchinari (presenti sul fascicolo aziendale) atti a svolgere queste lavorazioni, ad esclusione dei generatori di corrente per autoproduzione di energia elettrica anche se utilizzati esclusivamente per sistemi di pompaggio

– tutta l’assegnazione di gasolio erogata per il 2022 deve essere già stata completamene prelevata

– le aziende agricole devono produrre una dichiarazione sostitutiva di atto notorio

Si comunica che per quanto riguarda le assegnazioni per interventi irrigui su colture pioppeto e arboree da biomassa, sono contemplate esclusivamente le lavorazioni su impianti di età inferiore ai 4 anni per i pioppeti e impianti di un anno per arboree da biomassa.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande di assegnazione supplementare è fissata al 30 novembre 2022.

Per ulteriori informazioni e per richiedere tale assegnazione supplementare è possibile contattare l’ufficio UMA di Asti Agricoltura.

Il 7 luglio scorso è stato approvato dalla Camera il Decreto Legge 50/22 (DL Aiuti), il provvedimento dovrà ora essere approvato dal Senato, probabilmente senza modifiche, entro sabato 16 luglio.
Nel Decreto manca tuttavia la proroga per i mesi estivi della misura che da gennaio a marzo 2022 ha previsto la possibilità di usufruire del credito d’imposta sui carburanti destinati ai mezzi agricoli.
Confagricoltura prima della votazione aveva presentato una richiesta esplicita al Governo perché anche il settore agricolo potesse beneficiare delle agevolazioni sui carburanti anche per i mesi estivi, dal momento che il prezzo del gasolio oggi è quasi raddoppiato rispetto a un anno fa e che il credito d’imposta per il primo trimestre non ha avuto un impatto molto significativo per le ridotte attività agricole e l’uso delle rimanenze dell’anno precedente.
Per contro, con l’acuirsi della siccità gli agricoltori sono stati costretti a intensificare gli interventi di lavorazione del terreno e di recupero dell’acqua. L’aumento del prezzo gasolio ha messo a rischio le trebbiature, i raccolti e ostacolato le irrigazioni.
Per queste ragioni è stato sollecitato un nuovo provvedimento specifico per il settore agricolo, che consenta di estendere l’agevolazione almeno fino alla fine dell’anno.

Siamo da sempre convinti che il nostro settore possa dare un importante apporto per l’indipendenza energetica italiana. Aver voluto incoraggiare la produzione di rinnovabili in ambito agricolo, dando la possibilità agli impianti a biogas esistenti di incrementare la propria capacità produttiva fino al 20%, dimostra che siamo sulla strada giusta. Ora occorre proseguire in questa direzione”. Questo il commento di Confagricoltura in merito al “taglia prezzi” oggi in Aula, che ha accolto, in generale, le sollecitazioni della Confederazione. L’Organizzazione degli imprenditori agricoli apprezza la decisione, contenuta nel decreto, di concedere più tempo alle Autorità distrettuali di bacino per completare le sperimentazioni sul deflusso ecologico, consentendo di adattare gli strumenti attuativi vigenti e garantire la razionale utilizzazione delle risorse idriche per le produzioni.
Bene, per Confagricoltura, in materia di pratiche sleali per la filiera delle carni, aver esteso l’elenco dei prodotti deperibili a base di carne includendone alcuni ai quali sarebbero garantite tempistiche di pagamento più favorevoli. Positiva anche l’attenzione del decreto allo sviluppo dell’imprenditoria giovanile utilizzando lo strumento della garanzia pubblica ISMEA. Importante, nell’attuale quadro di emergenza, aver voluto dare maggior ossigeno alle imprese, posticipando la restituzione del capitale finanziato.
Ci aspettavamo, però, un intervento più incisivo sull’abbattimento dei costi – conclude l’Organizzazione degli imprenditori agricoli – in particolare sul gasolio agricolo: il credito d’imposta resta limitato al primo trimestre, esclusivamente per la trazione delle macchine agricole”.