Articoli

La Legge di Bilancio 2021, con il comma 1064 dell’articolo 1, proroga al 31/12/2022 il beneficio del credito d’imposta formazione 4.0, che in base alla Legge di Bilancio 2018 spetta alle imprese per le attività dirette ad acquisire o consolidare le conoscenze tecnologiche previste dal Piano nazionale Impresa 4.0 quali big data e analisi dei dati, cyber security, sistemi cyber-fisici, prototipazione rapida, sistemi di visualizzazione e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborativa, interfaccia uomo macchina, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine e integrazione digitale dei processi aziendali.
In base all’art. 1, c.210, della L.n.160/2019 (legge di Bilancio 2020) il credito d’imposta è riconosciuto:
– nei confronti delle piccole imprese, in misura pari al 50 per cento delle spese ammissibili e nel limite massimo annuale di 300.000 euro;
– nei confronti delle medie imprese, in misura pari al 40 per cento delle spese ammissibili e nel limite massimo annuale di 250.000 euro;
– nei confronti delle grandi imprese, in misura pari al 30 per cento delle spese ammissibili e nel limite massimo annuale di 250.000 euro.
In base alla successiva lett. l) del comma 1064, inoltre, per il periodo in corso al 31 dicembre 2020 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2023, sono ammissibili, all’agevolazione i costi, previsti dall’art. 31, c.3, del Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno UE.
Si tratta in particolare dei seguenti costi:
a) spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
b) costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, le spese di alloggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature nella misura in cui sono utilizzati esclusivamente per il progetto di formazione;
c) costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
d) spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.