Articoli

Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Piemonte: “Serve un riequilibrio della distribuzione del valore aggiunto. Prezzi all’origine troppo bassi, costi di produzione in forte aumento e produzione di fieno in diminuzione mettono in difficoltà gli allevatori. Serve un sostegno economico agli allevatori di vacche da latte, così come è stato previsto per altre filiere produttive.

È necessario un adattamento del prezzo del latte alla stalla che tenga conto degli attuali costi di produzione e della necessità di una più equa distribuzione del valore aggiunto tra gli attori della filiera. Questa la richiesta ribadita ieri da Confagricoltura Piemonte alla riunione organizzata dall’assessorato regionale all’agricoltura per analizzare l’andamento del comparto, caratterizzato da un evidente squilibrio delle quotazioni: il latte all’origine non aumenta, mentre cresce il prezzo dei prodotti caseari finiti.
Il momento – ha sottolineato Cristina Donalisio, allevatore di Confagricoltura Piemonte delegata al comparto latte – è particolarmente difficile per i produttori che conferiscono le loro produzioni destinate all’ottenimento di latte alimentare e formaggi freschi, ma anche quello indirizzato alla produzione di alcuni formaggi a denominazione d’origine protetta non ottiene la giusta remunerazione“.
Le cause di questa situazione – precisa Confagricoltura Piemonte in una nota – sono da addebitarsi all’aumento dei costi di produzione per il rincaro delle materie prime per alimentazione degli animali, delle fonti energetiche e dei fertilizzanti. “Inoltre quest’anno – evidenzia Guido Oitana, presidente della sezione economica latte di Confagricoltura Piemontela siccità ha ridotto la produzione di fieno, che in alcune aree ha fatto registrare un calo del raccolto di oltre il 30% rispetto alla media degli ultimi cinque anni“.
Per il presidente di Confagricoltura Piemonte Enrico Allasia è necessario, così come è stato previsto per altre filiere produttive, che vengano erogati sostegni economici da parte dello Stato alle imprese attive nella produzione lattiera. “Alla Regione – ha dichiarato Enrico Allasia – abbiamo chiesto di mantenere attivo un confronto permanente per concertare le azioni da mettere in campo per lo sviluppo del comparto, per migliorare la comunicazione ai consumatori, sia dal punto di vista informativo, sia sotto il profilo promozionale e per individuare interventi volti al rafforzamento della redditività degli operatori della filiera“.
Confagricoltura ricorda che negli ultimi dieci anni il numero delle stalle da latte in Piemonte si è ridotto di oltre il 30%: erano 2.393 nel 2010, mentre attualmente sono 1.622. Per contro la produzione, grazie la capacità imprenditoriale e al miglioramento della selezione genetica, è aumentata. L’anno scorso in Piemonte sono stati prodotti 1.149.823 tonnellate di latte (pari a 1.149.823.000 litri all’anno, 3.150.200 litri di latte al giorno), con un aumento del 4,76% rispetto al 2019. Nei primi sei mesi di quest’anno l’aumento produttivo è stato del 2,31%: questo perché gli allevatori ricavano meno e, per cercare di far quadrare i conti, aumentano le loro produzioni.
Confidiamo che la Regione Piemonte si faccia parte attiva nei confronti del Ministero delle Politiche Agricole – ha aggiunto Allasia – per sostenere la definizione di un accordo con l’industria e la distribuzione organizzata che riconosca agli allevatori un equo compenso per i loro sforzi”.