Il Recovery Plan è fondamentale per il settore. Il tema della ‘Next Generation UE’ avrà un ruolo estremamente importante ed è un’occasione unica“. Così il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti nell’audizione odierna in Comagri Camera, nell’ambito dell’esame della proposta di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza-PNRR.
Il contributo degli agricoltori europei è stato di oltre 35 miliardi di euro, e per il quadro italiano parliamo di circa 3,5 miliardi“, ha proseguito Giansanti. “Le risorse destinate all’agricoltura ammontano invece a 2,5 miliardi per il capitolo 2.1: è evidente che abbiamo l’ambizione di vedere aumentate queste risorse di almeno un altro miliardo di euro. Si tratta di risorse importanti ma da implementare”.
Il presidente di Confagricoltura ha rilanciato sui temi della futura PAC, il “Green New Deal”, la digitalizzazione, la necessità prioritaria di una riqualificazione urbana e delle infrastrutture. Sul tema del dissesto idrogeologico ha sottolineato l’importante ruolo degli agricoltori nella tutela del territorio.
Auspichiamo – ha concluso Giansanti – che queste risorse siano spese prioritariamente nell’ambito della ricerca e dello sviluppo tecnologico, massima attenzione all’agricoltura di precisione. Un altro grande tema riguarda lo sviluppo delle aree interne del Paese, sul quale serve un grande progetto“.