Confagricoltura Piemonte e la Sezione Piemonte dell’Associazione Dimore Storiche Italiane (A.D.S.I.) sottoscriveranno un accordo per favorire la tutela dell’arte, del paesaggio, della produzione agroalimentare di alta qualità coniugata con l’offerta di un turismo esperienziale, per offrire ai visitatori l’opportunità di godere della straordinaria bellezza della campagna piemontese.
La collaborazione tra Confagricoltura e l’Associazione Dimore Storiche Italiane è attiva da anni: sono numerose le aziende socie dell’organizzazione agricola che fanno capo a dimore antiche, soggette a vincolo per la loro rilevanza come beni di interesse storico-artistico. Si tratta di ville storiche, castelli, antiche cascine: immobili storici che sono parte integrante del patrimonio culturale del nostro Paese, e al tempo stesso svolgono un ruolo importante per la protezione e valorizzazione del paesaggio rurale. “L’accordo che formalizzeremo nei prossimi giorni – spiegano Enrico Allasia e Alessandro Gosztonyi, rispettivamente presidenti di Confagricoltura Piemonte e della Sezione Piemonte e Valle d’Aosta dell’ Associazione Dimore Storiche Italiane – ci consentirà di promuovere iniziative comuni volte a favorire lo sviluppo di attività imprenditoriali in grado di coniugare sostenibilità, innovazione e territorio”. Domenica 4 ottobre, nonostante l’emergenza della pandemia Covid-19, sarà possibile visitare alcune dimore storiche piemontesi nell’ambito della X Edizione della Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane. Tutte le informazioni su orari e prenotazioni possono essere trovate nelle singole schede di ogni dimora all’indirizzo: https://www.associazionedimorestoricheitaliane.it/visite_giornata_nazionale.php