Articoli

La neve non ha fermato la 383° edizione della Fiera nazionale di Sua Maestà il Bue Grasso di Moncalvo, che quest’anno è tornata ad essere in presenza, dopo lo stop forzato dello scorso anno a causa della pandemia. Il forte maltempo non ha infatti fermato i numerosi allevatori e turisti che ogni anno affollano la centrale Piazza Carlo Alberto per assistere ad una delle più prestigiose fiere zootecniche di tutto il Piemonte. Anche quest’anno si è ricreata la magica simbiosi tra la piazza simbolo delle secolari attività commerciali aleramiche e il bue, l’animale che per eccellenza veniva utilizzato per il lavoro nei campi: un binomio vincente finalizzato a valorizzare gli antichi valori della vita contadina.
Presente anche quest’anno la Confagricoltura di Asti che ha messo in palio un premio che è stato assegnato per il “Gruppo più numeroso di capi bovini”. Il premio è andato alla macelleria “Le carni di una volta” di San Germano di Casale Monferrato, presso la quale sono stati conferiti ben 6 capi.
L’organizzazione agricola astigiana era anche degnamente rappresentata da una sua storica azienda associata: Angelo Nicola di Moransengo si è infatti aggiudicato il 2° premio all’interno della categoria “Buoi grassi di Razza Piemontese della coscia”.
La zootecnia è un comparto che rappresenta un’eccellenza all’interno del territorio astigiano e che deve essere assolutamente tutelata”, affermano i rappresentanti della Confagricoltura di Asti presenti alla fiera. “La Fiera del Bue Grasso di Moncalvo rappresenta un ottimo esempio di mantenimento delle tradizioni. Partendo da questo presupposto è necessario lavorare tutti insieme per lo sviluppo di questo comparto e dare il giusto riconoscimento ad allevatori e aziende che da sempre, con grande spirito di sacrificio e dedizione lavorano per produrre una delle carni più salubri e apprezzate al mondo”.

 

Alcune immagini della manifestazione

 

 

Causa emergenza da Covid-19, la 383° edizione della Fiera Nazionale di Sua Maestà il Bue Grasso di Moncalvo, prevista per il 9 dicembre 2020, è stata annullata. La Commissione Fiera, di concerto con l’amministrazione comunale, considerato il momento di grave pericolo epidemiologico, si è trovata costretta ad annullare la storica e secolare rassegna zootecnica. Ciò nonostante gli organizzatori, per dar seguito al discorso della filiera enogastronomica, hanno deciso di istituire una fiera “on- line” per dare la possibilità ai macellai di comunicare ai propri clienti che nei loro esercizi si può trovare il meglio dei tagli di carne di razza bovina piemontese (buoi, manzi, manze, castrati ecc..), allevati sul territorio. Una modalità alternativa anche per ricordare gli sforzi compiuti quotidianamente dalle aziende locali nell’allevamento dei capi che sarebbero stati esposti.
Al termine di questo innovativo contest, che sarà pubblicizzato sia on-line che su stampa cartacea, verrà assegnato un diploma di partecipazione rivolto ad allevatori e macellai.
Gli allevatori che intendono partecipare a questo contest, possono comunicare i seguenti dati del passaporto animale:

– nome
– razza
– data di nascita
– stalla di allevamento
– n° di passaporto e macellaio a cui è destinato il capo, qualora fosse destinato alla macellazione.

Il tutto dovrà essere inviato all’indirizzo di posta elettronica: protocollo@comune.moncalvo.at.it

Per qualsiasi dubbio è possibile contattare Luisella Braghero, presidente della Commissione Fiera del Bue Grasso di Moncalvo al seguente recapito telefonico: 3475367607.
Tutto questo non sostituirà sicuramente la tradizionale fiera – affermano gli organizzatori della kermesse – ma sarà uno stimolo per la futura edizione 2021, sperando in tempi migliori“.

 

       

Due immagini dell’edizione dello scorso anno della Fiera del Bue Grasso di Moncalvo:

  1. i giganti bianchi sfilano sul ring
  2. la consegna del premio istituito da Confagricoltura Asti per il “Miglior bue allevato in Provincia di Asti“, consegnato dal direttore Mariagrazia Baravalle (seconda da sinistra)

 

Dopo l’edizione del 2016, Gianfranco Lisa, allevatore di Valfenera, si aggiudica anche quest’anno il premio speciale di Confagricoltura Asti per il “Miglior bue allevato in provincia di Asti”, durante la Fiera del Bue Grasso di Moncalvo, giunta quest’anno alla 382° edizione. Un premio che da alcuni anni ormai rappresenta una certezza all’interno della kermesse moncalvese, istituito dall’organizzazione agricola astigiana proprio per esaltare la qualità dei capi allevati nel nostro territorio.
La rassegna zootecnica aleramica ha riservato anche quest’anno numerose sorprese e una sorprendente quantità di visitatori, come sempre molto affezionati a questa storica manifestazione che da secoli riesce a ricreare una magica simbiosi tra la piazza, cuore pulsante della comunità e del commercio, e i buoi, simbolo del lavoro e della vocazione contadina di questa realtà.
Confagricoltura Asti si rivela anche quest’anno grande protagonista della fiera, ben rappresentata da due aziende zootecniche associate che si sono aggiudicate premi in due diverse categorie: si tratta di Angelo Nicola di Moransengo che ha vinto il 3° premio per la categoria “Buoi grassi con tendenza alla coscia” e Cati Gavello di San Paolo Solbrito che ha conquistato il 1° Premio per “Il bue più pesante”, esponendo un gigante da 1340 kg.
L’allevamento di bovini da carne è un settore fondamentale per tutto il territorio piemontese; la qualità e la salubrità delle nostre carni ne conferma l’importanza”, ha affermato Mariagrazia Baravalle, direttore di Confagricoltura Asti. “La Fiera del Bue Grasso di Moncalvo rappresenta un ottimo esempio di rispetto e mantenimento delle tradizioni. Da questo presupposto è necessario lavorare tutti insieme per una maggiore valorizzazione di questo comparto, coniugando la tradizione con gli aspetti innovativi che lo renderebbero più competitivo”.
Questo settore deve essere sempre tutelato e difeso – ha concluso il direttore di Confagricoltura Asticon l’auspicio che il prezzo delle carni sia sempre remunerativo per i nostri allevatori. Ci auguriamo che la carne italiana (in particolar modo quella piemontese, ndr) abbia all’interno della grande distribuzione uno spazio riservato per evidenziarne le sue indubbie qualità”.

 

Alcune foto della 382° edizione della Fiera del Bue Grasso di Moncalvo

 

La città di Moncalvo si prepara alla Fiera del Bue Grasso – una delle rassegne più antiche esistenti su tutto il territorio nazionale – giunta quest’anno alla 382° edizione (che si svolgerà dall’8 al15 dicembre). L’appuntamento clou è per mercoledì 11 dicembre, quando sotto i portici della centrale Piazza Carlo Alberto gli allevatori di tutto il Nord Italia metteranno in mostra i bovini migliori – fassoni, manzi e buoi grassi, espressione della razza bovina Piemontese – per aggiudicarsi le prestigiose gualdrappe, il Gran Premio Città di Moncalvo e il premio speciale del “Bue più pesante”.
Da qualche anno presente alla rassegna zootecnica, Confagricoltura Asti consegnerà anche nel corso di questa edizione il premio speciale per il “Miglior Bue allevato in provincia di Asti”, che, negli ultimi quattro anni, si sono aggiudicati tre allevatori del territorio moncalvese.
La Fiera del Bue Grasso di Moncalvo rappresenta un modello vincente di come un intero territorio possa essere valorizzato nel rispetto delle antiche tradizioni”, afferma, per Confagricoltura Asti, Ezio Veggia. “Ma l’intero comparto zootecnico ha bisogno di un continuo ricambio generazionale in grado di mantenere attivi standard e regimi di qualità e Confagricoltura Asti è da sempre al fianco anche di queste aziende, passo dopo passo, durante il loro percorso”.
L’andamento produttivo del comparto bovino da carne è in lenta progressione, anche se con soddisfazioni contenute per gli allevatori”, dichiara Antonio Amasio, presidente della Sezione della Razza Piemontese di Confagricoltura Piemonte che descrive in sintesi la situazione attuale del settore. “Per quanto riguarda i prezzi, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, si rileva un lieve cenno di ripresa per gli adulti, in particolare per vitelloni e vacche, mentre per i giovani da ristallo si registrano delle flessioni. Ci auguriamo che questo trend positivo prosegua anche il prossimo anno”, conclude Amasio.

 

La consegna del premio speciale di Confagricoltura Asti da parte di Ezio Veggia ad un allevatore locale durante l’edizione dello scorso anno

Anche quest’anno il premio messo in palio da Confagricoltura Asti per il “Miglior Bue allevato in provincia di Asti” è rimasto “in zona”, “spostandosi” di pochi chilometri dalla cittadina aleramica. Ad aggiudicarsi l’ambito trofeo – insieme a un premio in denaro – è stato Bruno Farotto, allevatore di Penango,.
La Fiera Nazionale del Bue Grasso di Moncalvo, giunta alla sua 381° edizione ha riservato anche quest’anno numerose sorprese e una sorprendente quantità di visitatori, come sempre molto affezionati a questa storica rassegna che da secoli riesce a ricreare una magica simbiosi tra la piazza, cuore pulsante della comunità e del commercio, e i buoi, simbolo del lavoro e della vocazione contadina di questa realtà.
Se il Piemonte è tra le regioni al mondo che nel 2019 bisogna visitare, secondo Lonely Planet, il merito non è soltanto delle istituzioni ma soprattutto dei tantissimi piccoli imprenditori, agricoltori, allevatori che ci hanno creduto“, ha dichiarato con orgoglio il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, presente a Moncalvo insieme ad altre autorità. Numerose le personalità presenti: l’assessore regionale all’Agricoltura Giorgio Ferrero, la consigliere regionale Angela Motta, il presidente della Provincia di Asti Marco Gabusi, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti Mario Sacco e il presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia, che è stato premiato con il “Bue d’Argento” “per aver sostenuto come amministratore e come presidente di Fondazione bancaria l’agricoltura e soprattutto l’allevamento di razza bovina piemontese”. Presente anche Andrea Cerrato, presidente del consorzio turistico Sistema Monferrato, di cui Confagricoltura Asti è official partner da marzo.
Confagricoltura Asti grande protagonista della fiera, ben rappresentata anche da due aziende zootecniche associate che si sono distinte in diverse categorie: si tratta di Angelo Nicola di Moransengo che si è aggiudicato il 3° premio per la categoria “vacche di razza piemontese” e il 2° premio per la categoria “buoi grassi di razza piemontese” e la Società Agricola Gilli di Villanova d’Asti che ha ottenuto il 4° premio all’interno della categoria “manzi grassi di razza piemontese”.
La Fiera del Bue Grasso di Moncalvo rappresenta un modello vincente di come un intero territorio possa essere valorizzato nel rispetto delle antiche tradizioni”, ha affermato Ezio Veggia, commissario straordinario di Confagricoltura Asti, durante il suo intervento, “ma dobbiamo avere la consapevolezza che è necessario fare di più. Il comparto zootecnico, e tutto ciò che ne deriva (impianti di biogas, energie rinnovabili, ecc., ndr), può essere sicuramente un’ottima soluzione, ma solamente con una costante presenza di giovani all’interno delle aziende. Molti hanno già intrapreso questo tipo di attività e molti altri percorreranno questa strada in futuro. Confagricoltura Asti sarà sempre al loro fianco e al fianco delle aziende, passo dopo passo, durante il loro percorso”, ha concluso Veggia.
Il commissario ha inoltre ricordato la presenza, proprio a Moncalvo, dell’ufficio recapito di Confagricoltura inaugurato lo scorso 18 ottobre in Piazza Carlo Alberto, 6, presso l’agenzia della Reale Mutua Assicurazioni, aperto al pubblico nei giorni di giovedì e venerdì, dalle 08,30 alle 13.

 

Alcune immagini della 381° Fiera del Bue Grasso di Moncalvo