L’articolo 25 del Decreto Rilancio prevede che, al fine di sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, venga riconosciuto un contributo a fondo perduto a favore dei soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita IVA. Il contributo a fondo perduto spetta a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019. Al fine di determinare correttamente i predetti importi, si fa riferimento alla data di effettuazione dell’operazione di cessione di beni o di prestazione dei servizi.
Sul Sole24Ore di oggi un commento della disposizione.

contributo_fondo_perduto_Rilancio_Sole_200603